SOI: UNA DECISIONE POLITICA CONTRO IL DIRITTO ALLA SALUTE



1 AGOSTO 2019: LA REGIONE LOMBARDIA CON LA DELIBERAZIONE N° 11 DECIDE DI FATTO DI SOSPENDERE LA TERAPIA SALVAVISTA A 100.000 PAZIENTI AFFETTI DA MACULOPATIA, CONDANNANDOLI INEVITABILMENTE ALLA CECITA’.
Roma, 26 luglio 2019. Matteo Piovella presidente SOI “non avrei mai immaginato, nel curare i pazienti affetti da gravi patologie, di dover provare una inenarrabile vergogna per quanto ingiustamente attuato nel mio Paese.  Per riequilibrare la situazione pregressa che vedeva un farmaco (Avastin) fortemente penalizzato a vantaggio degli altri (ben più costosi) si tenta una pericolosissima inversione di marcia che non tiene conto degli attuali vincoli e freni imposti dalle assurde delibere di AIFA che comporteranno un ulteriore crollo dei numeri di accesso alla cura.  La delibera della Regione Lombardia stabilisce che dal 1 agosto prossimo siano  destinati  55 euro a fronte dei 600 attuali per l’acquisto di una singola dose dei farmaci salvavista.  Oltre al dramma dovuto alla perdita della vista, il danno nei confronti dei pazienti  sara’ di minimo 10 miliardi.
Nel  nostro Bel Paese, continua Piovella, per i pazienti affetti da gravi patologie della retina, le maculopatie, non vi è limite al peggio. L’Oculistica italiana con i suoi 7000 Medici Specialisti Oculisti salva la vista ogni anno ad un milione e trecentomila Persone  grazie ad un costante impegno ed a capacità finalizzate a mettere a disposizione dei cittadini le migliori cure supportate da incredibili nuove tecnologie e tecniche chirurgiche. Eppure tutto ciò non conta per chi ha avuto la sfortuna di sviluppare negli ultimi anni patologie retiniche gravemente  invalidanti. Ogni virtuosa potenzialità si scioglie e svanisce come neve al sole. E’ dal 2012 che lo scandalo Avastin Lucentis  paralizza di fatto il nostro Paese, generando tanta e tale confusione alla quale la politica e gli Enti Regolatori con la loro incapacità gestionale non hanno saputo far fronte.
Le regole e le leggi a tutela dei Pazienti che sono oggi operative ed efficaci in tutto il mondo, nel nostro Paese non trovano spazio per le assurde posizioni degli Enti Regolatori. Queste ingiustificabili limitazioni hanno comportato che nel 2018 in Italia soltanto il 30% dei pazienti affetti da maculopatia abbia potuto accedere alla cura. Le 318.000 iniezioni intravitreali erogate sono lo specchio di un Paese del terzo mondo se rapportate ad oltre il milione messe a disposizione dei cittadini di Francia, Germania e Inghilterra.  SOI in tutti questi anni ha speso ogni possibile energia per superare questa drammatica situazione e garantire la tutela della vista a tutti i pazienti. E’ assurdo che a fronte di un’emergenza sociale i farmaci salva la vista siano posizionati in fascia H ospedaliera che consente a pochi Ospedali Italiani e a soli 200 medici oculisti di erogare la cura, mentre il semplice spostamento di questi farmaci in fascia A  consentirebbe a tutti gli Ospedali e a tutti i 7.000 medici oculisti di far fronte all’emergenza esattamente come avviene in ogni parte del mondo.  Le sentenze della magistratura che negli anni hanno fatto luce su questa triste vicenda hanno sempre dato ragione a quanto virtuosamente sostenuto da SOI e siamo certi che anche le inchieste ancora in corso presso la Procura di Roma e la Procura della Corte dei Conti del Lazio sapranno individuare i responsabili di questa situazione. Ma da sole le sentenze non bastano a mettere ordine, come dimostrato da quanto accaduto dopo la recente promulgazione, dopo anni di penalizzante attesa, della sentenza del Consiglio di Stato favorevole a tutte le attività e richieste  messe in campo da SOI per sostenere ed aiutare i malati.  Incredibilmente invece alcuni Presidenti di Regione (Toscana, Veneto, Piemonte ed Emilia Romagna) hanno strumentalizzato tali sentenze limitandosi a chiedere rimborsi milionari alle case farmaceutiche, ovvero ai soggetti sbagliati, incuranti e disinteressati di tutte quelle criticità che limitano l’accesso alle cure per i pazienti affetti da maculopatia.
Ancora una volta l’interesse economico prevale sulla salute e sul diritto alla cura del paziente.  Ma la Regione Lombardia è andata oltre. Al solo scopo di riequilibrare la situazione economica pregressa dal 1 agosto imporrà limiti di spesa che ostacoleranno ulteriormente l’accesso alla terapia per risparmiare soldi che non possono e non devono essere risparmiati. Così ancora una volta a fare le spese di questa incredibile e insensata vicenda saranno solo i pazienti, mentre le Regioni che ipotizzano oggi inattesi risparmi di spesa si ritroveranno domani a dover fronteggiare costi esorbitanti dovuti ad una emergenza sociale ancor più dirompente rispetto all'attuale, con un ingente aumento di persone non vedenti. 
In tutti questi anni, conclude Piovella, malgrado osservatori distratti abbiano pensato il contrario, SOI si è sempre battuta per l'esclusivo interesse dei pazienti. Le nostre battaglie in favore dell'uso di Avastin, contro le norme sbagliate imposte dal Regolatore e quelle a favore della maggior diffusione possibile della terapia avevano come unico obiettivo quello previsto dai nostri compiti Statutari: la tutela della salute visiva della popolazione!
SOI invita tutti i pazienti affetti da maculopatia a responsabilizzarsi e ad adottare ogni utile iniziativa  idonea a salvaguardare la propria vista ricordando che la nostra Costituzione tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Merck Serono presenta Vigorskin K1 PLUS

Naprossene sodico 660 mg a rilascio modificato: nuova formulazione disponibile in Italia permette un’azione rapida, prolungata e un miglior controllo del dolore

“Ama le tue gambe”: maggio diventa il mese della prevenzione della Malattia Venosa Cronica