Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2018

Bayer introduce sul mercato italiano un dispositivo di ultima generazione per l'pertensione polmonare

Milano, 27 agosto 2018 –  L’ipertensione polmonare arteriosa è una malattia respiratoria rara, spesso diagnosticata tardivamente, caratterizzata da una breve sopravvivenza e dal forte impatto sulla qualità di vita. A conferma del proprio impegno nel trattamento di questa patologia, Bayer ha introdotto sul mercato italiano un dispositivo di ultima generazione per agevolare il paziente nell’assunzione della terapia inalatoria, riducendo così il tempo di somministrazione e migliorando l’aderenza alla terapia. L’inalatore, disponibile gratuitamente a partire dalla metà del prossimo settembre, potrà essere richiesto dal medico curante per il proprio paziente. A livello mondiale, l’ipertensione polmonare arteriosa interessa circa 2,5 milioni di persone di cui 3mila nel nostro paese, soprattutto donne, anche se nei soggetti di sesso maschile la patologia si presenta ancora più grave. Deriva da un costante restringimento nei vasi sanguigni che portano il sangue ai polmoni, pr

Bayer ottiene, nell’Unione Europea, l’approvazione per l’impiego di rivaroxaban in pazienti con coronaropatia o arteriopatia periferica

Milano, 24 agosto 2018 – La Commissione Europea (CE) ha approvato il regime terapeutico con rivaroxaban 2,5 mg due volte/die più acido acetilsalicilico (ASA) 75 – 100 mg una volta/die per la prevenzione di eventi aterotrombotici in pazienti adulti con coronaropatia (CAD) o arteriopatia periferica (PAD) sintomatica ad alto rischio di eventi ischemici. Il primo Paese in cui è previsto che il farmaco diventi disponibile per questi pazienti è la Germania. L’approvazione nell’Unione Europea (UE) è basata sui risultati dello studio di Fase III COMPASS, che hanno dimostrato come rivaroxaban al dosaggio vascolare di 2,5 mg due volte/die più ASA 100 mg una volta/die abbia ridotto il rischio per il composito di ictus, infarto del miocardio e mortalità per cause cardiovascolari del 24% (riduzione del rischio relativo), rispetto alla terapia con ASA 100 mg una volta/die da sola, in pazienti con coronaropatia o arteriopatia periferica.[i] “L’approvazione di rivaroxaban nell’area della prot