Coronaropatia e arteriopatia periferica - AIFA ammette al rimborso rivaroxaban 2,5 mg di Bayer

 





  • Rivaroxaban al dosaggio di 2,5 mg, in associazione ad ASA (100 mg), è oggi disponibile in Italia per tutti i pazienti ad alto rischio di eventi ischemici, che presentano una arteriopatia periferica (PAD) sintomatica agli arti inferiori
  • Il farmaco, in associazione ad ASA, è l’unico anticoagulante orale non antagonista della vitamina K indicato per questa popolazione di pazienti;
  • L’approvazione si basa sui risultati dello studio COMPASS, interrotto in anticipo permanifesta superiorità della strategia di associazione rivaroxaban + ASA


Milano, 4 marzo 2021 – Bayer annuncia l’ammissione alla rimborsabilità da parte dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) del proprio farmaco rivaroxaban 2,5 mg due volte/die, più acido acetilsalicilico (ASA) a basso dosaggio una volta/die, per la prevenzione di eventi aterotrombotici in tutti i pazienti adulti ad alto rischio di eventi ischemici, che presentano una arteriopatia periferica (PAD) sintomatica agli arti inferiori.

La decisione dell’autorità regolatoria italiana è un importante passaggio successivo all’approvazione europea dell’indicazione grazie ai risultati dello Studio di Fase III COMPASS.

Nello studio l’associazione rivaroxaban utilizzato al dosaggio vascolare (2,5 mg x 2/die) e aspirina al dosaggio di 100 mg/die, ha ridotto del 24% il rischio di eventi cardiovascolari maggiori quali ictus, infarto e morte per cause cardiovascolari (riduzione del rischio relativo), rispetto ad ASA 100 mg una volta/die da sola, in pazienti affetti da coronaropatie e/o arteriopatie periferiche croniche.

Le percentuali d’incidenza di eventi emorragici sono state basse e, nonostante un aumento atteso di emorragia maggiore, non si è avuto un incremento significativo di emorragia fatale, né intracranica.

Un altro elemento significativo è che nei pazienti affetti da arteriopatie periferiche (PAD), si è avuta una significativa riduzione di eventi avversi che includono l’ischemia dell’arto. L’aggiunta di rivaroxaban ad ASA ha, infatti, ridotto le amputazioni maggiori da causa vascolare di circa il 70%.

Lo Studio è stato interrotto dopo un tempo medio di trattamento di 23 mesi, in anticipo sui tempi stabiliti, per manifesta superiorità della terapia combinata rivaroxaban/ASA rispetto al braccio di confronto.

Questo importante risultato riconosce il grande impegno di Bayer nella ricerca clinica e in particolare in ambito cardiovascolare – ha affermato la Dottoressa Francesca Russo, Country Medical Director - Lo studio COMPASS ha voluto testare una strategia totalmente innovativa nella gestione del paziente aterosclerotico ad alto rischio e rivaroxaban è l’unico tra i NAO ad aver ottenuto questa ulteriore, importante indicazione. Pertanto, anche in Italia, i clinici avranno finalmente a disposizione questa efficace opzione terapeutica, per una maggiore protezione dei loro pazienti”.

“Il COMPASS è uno studio innovativo – aggiunge il Dottor Andrea Di Lenarda, Direttore del Centro Cardiovascolare Azienda per i Servizi Sanitari N°1 "Triestina" - i cui risultati sono applicabili ai pazienti del mondo reale. Nell’Osservatorio Cardiovascolare di Trieste il rischio di eventi cardiovascolari maggiori nei pazienti ambulatoriali con cardiopatia ischemica cronica è di circa il 10%/anno e diventa 3 volte più elevata nei pazienti in cui coesiste una cardiopatia ischemica ed una malattia vascolare periferica. Il cardiologo, dopo una attenta valutazione del rischio emorragico del paziente, ha a disposizione una possibilità unica di intervento sull’elevato rischio cardiovascolare residuo di questi pazienti. Inoltre, focalizzando l’attenzione anche sui pazienti con arteriopatia periferica, questa nuova opportunità terapeutica favorirà l’adozione di percorsi clinici finalizzati alla diagnosi e stratificazione vascolare dei pazienti cardiopatici, popolazione per lo più dimenticata in ambiente cardiologico”.  

  

Bayer

Bayer è un’azienda globale con competenze chiave nei settori della Salute e della Nutrizione. I prodotti e i servizi sono concepiti per migliorare la qualità della vita delle persone e cercare di rispondere alle sfide di una popolazione crescente e che vive più a lungo. Allo stesso tempo, il Gruppo punta a creare valore attraverso innovazione, crescita e un’elevata redditività. Bayer fonda la propria attività su principi di sviluppo sostenibile e di responsabilità etica e sociale. Nel 2019, il Gruppo ha impiegato 104.000 collaboratori e registrato un fatturato di 43,5 miliardi di euro. Le spese in conto capitale ammontano a 2,9 miliardi di euro e gli investimenti in Ricerca & Sviluppo a 5,3 miliardi di euro. Maggiori informazioni sul sito Bayer.it.

 

 

Contatti:

Grazia Bonvissuto, phone 02 3978.2845

Email: Grazia.bonvissuto@bayer.com

Segui @BayerItalia su Twitter e Instagram

 

 

Forward-Looking Statements

This release may contain forward-looking statements based on current assumptions and forecasts made by Bayer management. Various known and unknown risks, uncertainties and other factors could lead to material differences between the actual future results, financial situation, development or performance of the company and the estimates given here. These factors include those discussed in Bayer’s public reports which are available on the Bayer website at www.bayer.com. The company assumes no liability whatsoever to update these forward-looking statements or to conform them to future events or developments.

Commenti

Post popolari in questo blog

Naprossene sodico 660 mg a rilascio modificato: nuova formulazione disponibile in Italia permette un’azione rapida, prolungata e un miglior controllo del dolore

Merck Serono presenta Vigorskin K1 PLUS

BIAL assume la leadership in Europa per la commercializzazione del trattamento per l'epilessia Zebinix® (eslicarbazepina acetato)