Emergenza Ucraina: l’impegno di Bayer e dei suoi dipendenti

 


·       Bayer dona 3 milioni di euro per sostenere la popolazione in Ucraina e assicura prodotti farmaceutici ai Ministeri della Sanità di Ucraina e dei Paesi confinanti. 

·       I dipendenti attivano volontariamente raccolta fondi e azioni di solidarietà.

Leverkusen, 8 marzo 2022 – Bayer è sorpresa e amareggiata dall'attacco alla libertà e alla democrazia che minaccia la pace e la sicurezza in Europa e oltre.

"In questi tempi difficili, i nostri pensieri e la nostra solidarietà sono con il popolo dell'Ucraina", commenta il CEO di Bayer Werner Baumann. "La sicurezza dei nostri dipendenti è ora la nostra massima priorità. Stiamo facendo tutto il possibile per assicurare la fornitura dei nostri prodotti alla popolazione civile - comprese le medicine vitali e i prodotti agricoli per salvaguardare l'approvvigionamento alimentare".

 

Per fronteggiare questa situazione, Bayer AG ha annunciato una donazione di 3 milioni di euro per contribuire alle misure di emergenza. Il contribuito andrà a beneficio delle organizzazioni internazionali e locali di aiuto umanitario impegnate in Ucraina e negli Stati confinanti dell'Europa orientale, di cui 300.000 euro destinati immediatamente alla Croce Rossa a contribuzione delle prime emergenze e necessità.

Inoltre, Bayer ha inviato su richiesta del Ministero della Sanità ucraino una fornitura di antibiotici e prodotti medicali i quali, nonostante le avversità, hanno raggiunto l'Ucraina e allieveranno la condizione sanitaria di 27.000 pazienti.

 Bayer continuerà, oltre a questo, a garantire anche in futuro che i bisogni umani di base nei settori della sanità e della nutrizione siano soddisfatti. L’azienda continuerà a fornire ai propri pazienti le medicine secondo le regole del diritto internazionale umanitario. Una sospensione delle consegne per i pazienti oncologici o cardiovascolari non sarebbe eticamente giustificabile e avrebbe un impatto pesante sulla popolazione civile della Russia e tradirebbe i valori aziendali.

 Da parte dei dipendenti è stata attivata una campagna volontaria di donazione sempre a favore della Croce Rossa che, in soli 10 giorni, ha raggiunto l’importante cifra di 800.000 euro a cui l’azienda aggiungerà una cifra ulteriore per aumentare il sostegno.

Inoltre, a favore dei colleghi ucraini e alle loro famiglie in difficoltà, è stata avviata una piattaforma interna dove ognuno può offrire un alloggio temporaneo ai dipendenti che operano nelle zone di guerra.

A queste iniziative si aggiungono campagne locali di volontariato guidate dai dipendenti stessi.  

L'azienda è in stretto contatto con le autorità locali e le organizzazioni umanitarie internazionali per analizzare la situazione instabile nel Paese e decidere su ulteriori misure di sostegno e donazioni di prodotti per continuare a fornire il supporto necessario.  

Commenti

Post popolari in questo blog

L’ALCOLDIPENDENZA E’ UNA MALATTIA DIFFUSA MA CURABILE. PARLIAMONE!

BENVENUTI IN CAMICIINRETE

Siemens Healthineers lancia il primo tomografo computerizzato con tecnologia Photon-Counting al mondo