Post

Visualizzazione dei post da 2018
Immagine
Trapianto d’organo: accesso ad una nuova vita. Come la relazione medico-paziente e la tecnologia possono contribuire alla salute ed all’aderenza alla terapia.
·A 5 anni, la sopravvivenza è del 75% per il trapianto di fegato e dell’85% per quello di rene. ·Da un’indagine realizzata sui pazienti trapiantati di rene emergeil bisogno di essere supportati nella gestione e assunzione della terapia immunosoppressiva, fondamentale per il mantenimento del trapianto. ·Disponibile per i pazienti trapiantati di rene l’app ReNew, un aiuto concreto per la corretta gestione quotidiana del percorso di cura e lo scambio di informazioni con il medico in tempo reale.
Milano, 13 dicembre 2018 – “Il trapianto di rene mi ha permesso di riappropriarmi del tempo per la mia famiglia, per me stessa, per le mie amicizie, per il mio lavoro”. “Dopo l’intervento ho riacquisito la forza fisica e mentale, ho ripreso a cucinare, fare lunghe passeggiate al mare e leggere, prima non avevo né energia, né concentrazione”. Co…
Immagine
Sclerosi Multipla
Presentati all’ECTRIMS 2018 i nuovi dati di Bayer sulla sicurezza del trattamento con interferone beta -1b nelle donne in gravidanza
- L’attuale valutazione si basa su una meta-analisi della più grande raccolta di dati rilevati in oltre vent’anni - Secondo questa analisi, il trattamento con interferone -1b prima del concepimento e/o durante la gravidanza non ne comprometterebbe gli esiti.

Milano, 12 dicembre 2018 – In occasione del congresso annuale del Comitato europeo per il trattamento e la ricerca sulla sclerosi multipla (European Committee for Treatment and Research in Multiple Sclerosis - ECTRIMS) lo scorso ottobre, Bayer ha presentato i nuovi dati sulla sicurezza di interferone beta -1b (IFNß-1b) somministrato prima o durante la gravidanza. La valutazione ha dimostrato che le donne incinte esposte a interferone beta -1b non presentavano correlazioni con un maggior rischio di aborto spontaneo o anomalie congenite rispetto alla popolazione generale. Ad oggi si tra…

Dallo studio Cassini nuovi risultati sull’impiego di rivaroxaban per la prevenzione di tromboembolismo venoso in pazienti oncologici ad alto rischio

Immagine
Dallo studio Cassini nuovi risultati sull’impiego di rivaroxaban per la prevenzione di tromboembolismo venoso in pazienti oncologici ad alto rischio
Milano, 5 dicembre, 2018 – Bayer e il suo partner di sviluppo Janssen Research & Development, LLC hanno annunciato la presentazione dei risultati dello studio di Fase 3 CASSINI sull’impiego dell’anticoagulante orale rivaroxaban, per ridurre il rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti oncologici ambulatoriali ad alto rischio, in terapia sistemica oncologica. Nonostante l’endpoint primario composito di TEV e mortalità associata non sia stato raggiunto, è stata osservata una riduzione clinicamente rilevante e nominalmente significativa degli eventi di TEV nel periodo di trattamento, con esiti di sicurezza simili a quelli riscontrati con il placebo.
I risultati dello studio CASSINI sono stati presentati tra gli Studi Clinici Late-Breaking al Congresso Annuale della Società Americana di Ematologia a San Francisco (1 - 4 dicembre…
Immagine
Terapia dell’emofilia A Bayer riceve l'approvazione europea per damoctocog alfa pegol Il profilo di sicurezza ed efficacia di damoctocog alfa pegol è stato dimostrato da studi clinici durati oltre cinque anni.La profilassi con damoctocog alfa pegol garantisce adeguate concentrazioni di fattore VIII nel sangue per un tempo maggiore.
Milano, 28 Novembre 2018– Bayer ha annunciato che damoctocog alfa pegol (BAY 94-9027) è stato approvato dalla Commissione Europea del farmaco (EMA) per il trattamento e la profilassi dei sanguinamenti in pazienti con emofilia A precedentemente trattati, a partire dai 12 anni di età. Il regime di profilassi raccomandato per damoctocog alfa pegol è di una infusione ogni cinque giorni o, sulla base delle caratteristiche cliniche del paziente, ogni sette giorni o due volte alla settimana. L'approvazione si basa sui risultati del programma di sviluppo clinico PROTECT VIII.
“La frequenza delle infusioni è la sfida più importante per le persone affette da emof…
Immagine
________________________________________________________________________________

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la determina di AIFA che autorizza l’inclusione di un beneficio aggiuntivo dell’acido acetilsalicilico
L’Aspirina a bassa dose riduce di circa un quarto i casi di cancro nei pazienti ad alto rischio cardiovascolare. Italia primo paese al mondo a riconoscere il beneficio preventivo cardio-oncologico del farmaco Il risultato raggiunto con un trattamento a lungo termine e a basse dosi. L’effetto più evidente nel cancro del colon-retto. In corso uno studio europeo per dimostrare l’efficacia del farmaco nel prevenire recidive e metastasi in persone già operate per questa neoplasia ________________________________________________________________________________
Milano, 12 novembre 2018 – L’acido acetilsalicilico riduce in maniera significativa il rischio di ammalarsi di tumore nel paziente ad alto rischio cardiovascolare (secondo l’AIRC, un uomo su due e una donna su tre, nel corso del…
Immagine
Comunicato Stampa Inizia il viaggio di B-Side, lo spettacolo teatrale che porta in scena l’emofilia
Sulle note di grandi pezzi nati come B-Side e poi divenuti celebri di Doors, Queen, Pearl Jam e altri grandi artisti una pièce teatrale per raccontare agli adolescenti e non solo com’è la vita con una patologia molto rara come l’emofilia B, ma anche come si debba andare oltre il primo ‘lato’ delle persone. Un inno all’accoglienza della diversità in tutte le sue forme anche quando la diversità è una malattia molto rara o la passione per dischi introvabili, perché in fondo ‘siamo tutti diversi’.
Milano, 13 novembre 2018 – Emilio e Ennio sono fratelli. Gemelli eterozigoti. Hanno 18 anni… Stanno per fare la maturità. Sono nella loro camera che dividono da quando sono piccoli. Ennio sta armeggiando con la sua collezione di dischi in vinile. È appassionato del pop rock, di mostri sacri come Freddy Mercury o Eddie Vedder, ormai quasi estinti nelle cuffie dei suoi coetanei. In più colleziona e as…

Probiotici: il futuro va verso formulazioni “su misura” a seconda dell’organo e della patologia

Immagine
Probiotici: il futuro va verso formulazioni “su misura” a seconda dell’organo e della patologia
Oggi la conoscenza più approfondita che si ha dei singoli ceppi di batteri probiotici, delle loro peculiari caratteristiche e della possibilità di associarli per creare utili sinergie apre la strada a quella che è la tecnologia applicata alla medicina. Dalla ricerca Aurora Biofarma nasce ABI-line, la nuova linea di probiotici che impiega mix originali e innovativi di lattobacilli dall’azione sinergica e ceppo-specifica, per una terapia personalizzata che compete in modo fisiologico con i microrganismi patogeni.
Milano, 8 novembre 2018 – Non più grandi eserciti di generici batteri “buoni”, che si limitano a colonizzare l’intestino per lasciare poco spazio all’azione degli agenti patogeni. Come piccole squadre speciali di soldati “scelti”, le più innovative formulazioni di probiotici, a base di ceppi selezionati che hanno dimostrato una specifica attività di contrasto sugli agenti infettivi, inte…